This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK
ambasciata_telaviv

12/04/2013 - Modalità di verifica dell'esistenza in vita dei pensionati all'estero per l'anno 2013                

Date:

04/12/2013


12/04/2013 - Modalità di verifica dell'esistenza in vita dei pensionati all'estero per l'anno 2013             
  

 

Si informa che e' stato posticipato al 3 giugno 2013 il termine per la presentazione dell'accertamento dell'esistenza in vita dei pensionati residenti all'estero per l'anno 2013.

Al fine di evitare la sospensione del pagamento delle pensioni in caso di mancato completamento della verifica dell’esistenza in vita entro il 3 giugno 2013, l'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ha concordato con Citibank la localizzazione del pagamento delle rate di luglio e agosto 2013 presso gli sportelli Western Union per la riscossione personale da parte dei pensionati (con esclusione di delegati e tutori), già sperimentata negli scorsi anni. La riscossione personale da parte del pensionato allo sportello Western Union costituirà prova dell’esistenza in vita.

Per incassare il pagamento, il pensionato dovrà esibire un documento in corso di validità con foto e con dati anagrafici corrispondenti a quelli con i quali è disposto il pagamento. Una volta completata in tal modo la verifica, il pagamento delle rate successive della pensione sarà effettuato secondo le ordinarie modalità. Tuttavia, per produrre il suddetto effetto, la riscossione personale da parte del pensionato dovrà avvenire entro il 19 luglio p.v., in tempo utile per la predisposizione delle rate di agosto da parte di Citibank.

Nel caso in cui il pensionato non riscuota la pensione entro la suddetta data o, nel frattempo, non faccia pervenire l’ordinaria attestazione dell’esistenza in vita, il pagamento della pensione per il mese di agosto sarà nuovamente localizzato presso gli sportelli Western Union. Nel caso in cui la riscossione non avvenga entro il 19 agosto o entro la stessa data non sia completato il processo di verifica con l’invio di idonea attestazione di esistenza in vita, il pagamento sarà sospeso a partire dalla rata di settembre 2013.

Si precisa che, malgrado la sospensione della pensione, la rata di luglio e quella di agosto resteranno disponibili presso Western Union per novanta giorni dalla data di pagamento. Il pensionato, quindi, entro la suddetta data di scadenza delle rate, avrà ancora la possibilità di riscuotere la pensione e dimostrare in questo modo di essere in vita. In alternativa, avrà la possibilità di far pervenire in ogni momento l’ordinaria attestazione di esistenza in vita e chiedere il ripristino dei pagamenti.

Pertanto, nel caso in cui il pagamento in contante della rata di luglio fosse incassatodopo la scadenza del 19 luglio 2013, la gestione dei pagamenti della pensione avverrà come segue:

- se la riscossione della rata di luglio e/o agosto avverrà tra il 20 luglio e il 19 agosto 2013, il ripristino dei pagamenti di pensione secondo le ordinarie modalità avverrà a partire dal rateo di settembre 2013;
- se il ritiro del rateo di luglio e/o agosto avverrà tra il 20 agosto e il 19 settembre 2013, il ripristino dei pagamenti di pensione avverrà a partire dal rateo di ottobre 2013 e il pensionato dovrà richiedere alla sede che gestisce la pensione la riemissione del rateo di settembre;
- se il ritiro del rateo di luglio e/o agosto avverrà tra il 20 e il 25 settembre 2013, il ripristino dei pagamenti di pensione avverrà a partire dal rateo di novembre 2013 e il pensionato dovrà richiedere alla sede che gestisce la pensione la riemissione del rateo di settembre e di ottobre;
- se il ritiro del rateo di agosto avverrà tra il 26 settembre e il 19 ottobre 2013, il ripristino dei pagamenti di pensione avverrà a partire dal rateo di novembre 2013 e il pensionato dovrà richiedere alla sede che gestisce la pensione la riemissione dei ratei di luglio, settembre e ottobre.

Per avvertire i pensionati della possibilità di riscuotere la pensione presso Western Union, Citibank invierà una comunicazione personalizzata secondo il modello già in uso per i pensionati che riscuotono ordinariamente la pensione attraverso il suddetto Operatore. A tale lettera è aggiunta una nota redatta in sei lingue che precisa che per i pensionati che devono fornire la prova dell’esistenza in vita è ammessa soltanto la riscossione personale.

La comunicazione inviata ai pensionati contiene l’indicazione del Money Transfert Control Number (MTCN). Nel caso in cui il pensionato non dovesse ricevere tale comunicazione, potrà ottenere le informazioni necessarie e il codice MTCN contattando il servizio clienti di Citibank attraverso i numeri telefonici già in uso, di cui al file allegato. Anche le strutture INPS sono state invitate a fornire l’assistenza necessaria ai pensionati che non dovessero ricevere la suddetta comunicazione.

Per individuare l’agenzia Western Union più vicina, il pensionato:

• se residente negli Stati Uniti o in Canada, può consultare il sito www.westernunion.com;
• se residente in Argentina, può chiamare il numero 0800 800 30 30;
• se residente in qualsiasi altro Paese, può consultare il sito http://www.paymentsolutions.com/agent.asp e selezionare: Quick Cash.

In alternativa, può ottenere informazioni chiamando il Servizio di supporto Citi ai
Pensionati INPS (+39 02 6943 0693).

La suddetta localizzazione dei pagamenti sarà attuata solo nei Paesi in cui Western Union è presente e dove questa soluzione è praticabile. In particolare, la localizzazione non sarà comunque effettuata in: Sud Africa, Serbia, Bosnia, Ungheria, Macedonia, India, Sri Lanka, Bangladesh, Antille Olandesi, Nigeria, Swaziland, Andorra, Repubblica di Corea, Cuba, Siria e Iran. In tali Paesi, non essendo stato possibile assicurare modalità di pagamento che offrano sufficienti garanzie di assenza di rischio di pagamento a persona diversa dal beneficiario, si procederà alla sospensione delle pensioni intestate ai soggetti che non hanno fatto pervenire l’attestazione richiesta entro il 3 giugno 2013. Analogamente non sarà possibile procedere alla suddetta localizzazione a Western Union per i pensionati che nell’archivio INPS risultano essere residenti in Italia pur riscuotendo la pensione all’estero.

L'INPS precisa, inoltre, che non si potrà effettuare la riscossione presso Western
Union nel caso in cui l’importo della pensione sia superiore all’importo di 6.300,00
euro o di 7.500,00 dollari statunitensi.




144